coronavirus-4937226_1920

La solitudine in quarantena

Sono al tredicesimo giorno di quarantena ed ho deciso di riprendere in mano la parte del blog di Lotus Harmony.
Potresti pensare che lo faccio per te che mi leggi, ma forse è più un’esigenza mia di condividere.
Sono al tredicesimo giorno di quarantena da sola con la mia gatta e sono in attesa del mio flusso mestruale.
Stamattina mi sono svegliata lentamente, la notte è stata molto difficile, ho fatto la mia pratica, ho cercato di centrarmi nel mio respiro, ma nulla gli ormoni hanno vinto la loro battaglia.
Sono giorni strani, lunghi e paiono tutti eterni, da nipote di orologiaio spesso mi soffermo a guardare l’orologio del mio salotto e lo vedo scorrere più lentamente del solito, ma so che si tratta solo di una mia percezione.
Mi ricordo la mia ultima vacanza, li si che il tempo sembrava non darti il tempo di apprezzare ciò che stava accadendo perchè ti pareva tutto veloce, ma anche li era solo il nostro modo di percepirlo il tempo.
13 giorni di completa solitudine dove cerco di darmi una routine, dove mi ascolto, dove penso al passato, alle relazioni passate, alle amicizie passate e mi chiedo nonostante tutto come stiano quelle persone che non fanno più parte della mia vita.
13 giorni dove organizzo il mio lavoro, cerco di non farmi prendere troppo dall’ansia economica, suono a distanza, insegno yoga a distanza, sento le mie amiche a distanza.
13 giorni dove tutto è distante.
Tutte le mattine apro la porta di casa mia e sento i bambini della corte di fronte a me cercare di passare il loro tempo.
Le mie amiche condividono le loro giornate stra piene con i loro figli ed il grandissimo bisogno di un momento per loro, io da questa parte vorrei qualche attimo presente nelle loro di famiglie e staccarmi un po’ da questa solitudine.
Stare da sola non è mai stato un problema per me, neanche le fatiche che si possono vivere in un momento storico così delicato, so di aver vissuto di peggio.
13 giorni di quarantena iniziano a farsi sentire mentre scrivo nel completo silenzio della mia stanza.
13 giorni di quarantena dove la spesa te la fai lasciare fuori di casa.
All’inizio avevo preso tutto questo alla leggera, ora so che era una difesa per me che so di avere il cuore non in forma, volevo quindi negare il fatto che dovessi stare attenta.
13 giorni di quarantena dove ogni tanto il mio cuore va in tachicardia, dove so che devo mettermi sul divano e stare.
13 giorni dove leggo molti lamentarsi di qualsiasi cosa, dove inveiscono gli uni contro gli altri, dove non si comprende che nel lamento stiamo di nuovo perdendo lo stare con chi amiamo per passare il tempo sui social a buttare fuori la nostra frustrazione.
13 giorni in solitudine e queste non sono parole dove voglio trasmetterti qualcosa, ma dove voglio mostrarmi per chi sono e che nonostante le attività che propongo ed i miei sorrisi anch’io come voi provo sentimenti come paura, rabbia, tristezza e solitudine, perchè nessuno di noi è elevato, ma siamo tutti esseri umani con le nostre debolezze.
Se desideri condividere con me la tua quarantena questa è la mia mail khadija@lotusharmony.org, distanti, ma uniti.

Khadija

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *