IMG_20160216_102614479(1)

Vivere i momenti NO

IMG_20160216_102614479(1)

Molti credono che i momenti NO alle persone in un percorso olistico non capitino mai e da un lato ne comprendo anche il perchè.
Siamo spesso bombardati da tutte queste persone ed i loro Slogan per farci stare bene, ma non ti raccontano mai i loro momenti NO come se ne fossero immuni.
Questi momenti ti stupirò capitano più spesso a chi è in un percorso di ricerca semplicemente perchè è in continuo ascolto di se stesso e quando la sua giornata è NO  ogni azione è motivo di discussione.
Il mio fisico reagisce subito quando non sto benissimo e la mia ernia bussa e mi dice ” Hey non far finta di niente“.
Domenica mattina il mio Maestro mi ha aperto il cuore ” Non esistono colpe, ma solo azioni“, sono andata a ritroso nella mia vita ed ho pensato a quante volte mi sono sentita in colpa per le mie scelte, tantissime.
Il problema di ognuno di noi è che fatichiamo a pensare a noi stessi completamente, quindi lasciamo scorrere la nostra vita, facciamo scivolare ogni emozione e corriamo dietro alle nostre responsabilità verso il prossimo.

Ma la responsabilità verso noi stessi?

Ci vuole coraggio a fermarsi, ci vuole coraggio ad ascoltarsi, ci vuole coraggio a viversi anche quando ogni cosa può far male.
Il 22 febbraio entriamo nella Luna di Ghiaccio, il bianco il suo colore, amarsi è il suo intento.
Questa Luna ci esorta nell’ascolto e nell’amore verso noi stessi.

Amati

Ho messo nuovamente la mia vita in discussione, non è per niente facile, soprattutto quando intorno a te senti mille voci che urlano i loro bisogni.
Non mi sono mai reputata una persona egoista, ma ci sono momenti dove il miglior regalo che si possa fare è pensare a se stessi, fermare il mondo e stare soli.
Stamattina ho deciso, dopo l’ennesimo pianto per il dolore della mia ernia, che dovevo respirare e regalarmi dei fiori bianchi.

E tu come affronti i tuoi momenti NO?

  • Mi faccio un bel pianto.
  • Prendo per mano le mie paure e sorseggio tisane.
  • Mi circondo di fiori.
  • Prego Ganesh con il suo Om Gam Ganapataye Namaha Sharanam Ganesha
  • Mi faccio coccolare dai miei amici.
  • Pratico Yoga

Namastè

Khadija

IMG_20151113_152225

Figlia di una religione

IMG_20151113_152225

Mi sono chiesta se fossi figlia di una religione, la mia risposta è stata no.
Ho avuto ben altri problemi nella mia vita, ma devo ammettere che avere genitori musulmani non mi ha mai portata ad avere chiusure, bensì arrivavano dal prossimo.
Il mio nome è Khadija e mi rendo sempre più conto di quanto alcune persone intorno a me facciano finta di non sapere che il mio è un nome arabo.
Sapete ho nascosto chi fossi per moltissimo tempo, non per vergogna, ma per stanchezza.
Ricordo un’adolescenza difficile anche sotto questo aspetto, venivo presa in giro e derisa per il mio nome, per la cultura da dove provenivo, diventata “grande” diventai Katia.
I nostri nomi non sono importanti, lo è ciò che siamo, eppure qualcosa mi mancava.

FB_IMG_1444204761690

Il mio corpo è solo mio

La ricerca di me stessa è stata spesso condita anche dall’accettazione del mio corpo.
Iniziare ad amarmi è stato un percorso molto profondo ed ho dovuto distruggere pesanti schemi sociali.
Ho avuto un’adolescenza da “Brutto Anatroccolo”, venivo derisa per i miei occhiali spessi come fondi di bottiglia e per i miei tantissimi capelli.
Secondo quella ragazzina essere belli era l’unico obiettivo possibile.

IMG_20150924_083735388

A tu per tu con la tua sorella oscura.

IMG_20150924_083735388Equinozio di Autunno sei arrivato con la possibilità di farci raccogliere, quest’estate è stata intensa nella mia ricerca dell’armonia, ero nel mio paese di nascita,riuscivo a praticare più rilassata, ma qualcosa dentro di me spingeva nuovamente nell’ascoltare parti della mia sorella oscura.

E TU LA TUA SORELLA OSCURA LA CONOSCI VERAMENTE?

Ci sono dei momenti nella tua vita dove lei arriva, non fa sconti,non ti avverte, arriva e basta.
Ho iniziato a comprendere che lei ci fosse circa due anni fa quando l’ernia ha fatto capolino nella mia bassa schiena.