Esperienze nel Feminine Balance Massage

Due donne meravigliose hanno accettato di farsi intervistare dopo la loro esperienza con il Feminine Balance Massage.
Vuoi scoprire di più su questo trattamento? Continua a leggere.

Intervista a Barbara :

  • Barbara prima di tutto grazie per esserti resa disponibile per quest’intervista dove grazie alla tua esperienza altre donne scopriranno il Feminine Balance Massage. Cosa ti ha spinta a provare questo trattamento?
    • Il voler provare a riequilibrare il mio ciclo mestruale
  • Ti va di spiegarci il primo impatto con questo trattamento?
    • Per me è stata dalla prima volta molto profondo con degli impatti immediati di risultati sia fisici che mentali, perché molte delle mie problematiche erano radicate in me, quindi piano piano si sono sciolti nodi e questioni sospese che hanno avuto un immediato riflesso anche sulla parte fisica
  • Quali sono state le tue sensazioni durante il trattamento e nei giorni a seguire?
    • Le sensazioni sono sempre molto variabili la principale è quella di sblocco e nei giorni successivi di miglioramento anche a livello umorale.
  • Hai trovato miglioramenti e se si quali?
    • Fisicamente le emicranie da ciclo si sono attenuate tantissimo, ed anche il ciclo mestruale è più fluido e meno doloroso, ormai le avvisaglie che mi sta arrivando il ciclo sono veramente flebili
  • Stai proseguendo con questo trattamento perché?
    • Io sono ancora in una fase di sblocco e vorrei riuscire a liberare tutto o almeno il più possibile, quello fatto fino ad ora ha migliorato la mia qualità della vita in maniera notevole.
  • Cosa diresti alle altre donne che vorrebbero provare questo tipo di trattamento?
    • Il suggerimento che vi posso dare è di essere rilassate e propositive e vedrete che con l’aiuto di Khadjia troverete la strada giusta per far fronte al vostro problema, bisogna ascoltare il proprio corpo mentre si sta facendo il massaggio e anche nelle fasi successive bisogna recepire tutti i cambiamenti, così da affianare la tecnica mirata su voi stesse.

Intervista a Federica :

  • Federica prima di tutto grazie per esserti resa disponibile per quest’intervista dove grazie alla tua esperienza altre donne scopriranno il Feminine Balance Massage. Cosa ti ha spinta a provare questo trattamento?
    • Ho conosciuto questo trattamento attraverso Cora, la mia meravigliosa Doula, che mi segue dai primi mesi di vita della mia prima bimba.
      Intorno ai 13 mesi di mia figlia ho iniziato a pensare ad un secondo bimbo, ma mettici il ciclo che ancora non era tornato, la paura di rimettermi in gioco, l’ovaio policistico… ho deciso con Cora di provare questo trattamento per rimettermi un po’ in sesto per ricominciare.
  • Ti va di spiegarci il primo impatto con questo trattamento?
    • Profondo. Questa è la prima parola a cui penso quando penso ai trattamenti Feminine Balance Massage ricevuti.
      Semplice e profondo.
  • Quali sono state le tue sensazioni durante il trattamento e nei giorni a seguire?
    • Ho adorato la sensazione di essere ‘custodita’ nel momento del trattamento. Le sensazioni sono state ogni volta diverse, alcune volte ho percepito dei veri e propri blocchi emozionali ed energetici sciogliersi e riportare il sereno, altre volte ho percepito la difficoltà del mio corpo a lasciarsi andare, altre mi sono lasciate cullare nel rebozo finale.
      Nei giorni seguenti mi sono sentita a volte scombussolata ma dopo poco, ogni volta, rigenerata.
  • Hai trovato miglioramenti e se si quali?
    • Il mio ciclo mestruale è tornato… ma non solo questo: è diventato regolare. E… beh insomma.. sono incinta 🙂
  • Cosa diresti alle altre donne che vorrebbero provare questo tipo di trattamento?
    • Di provarlo. Assolutamente. Soprattutto se il rapporto con il proprio ciclo mestruale è difficile.
      Spiegarlo non rende l’idea. E’ molto più efficace provarlo.

Desideri avere maggiori informazioni su questo trattamento?
Contattaci : khadija@lotusharmony.org
cora@lotusharmony.org

Abbracciando l’apparente fragilità.

Trame che si tessono: davanti ai miei occhi, dietro alle mie spalle con fili dei miei orli scuciti…

Le Madri ed i Bimbi, le loro anime.

Donne e nuove creature che si avvicendano, che si legano o che rimangono lontane l’una dalle altre, magari conoscendosi grazie a parole, a racconti, magari toccandosi solo per un attimo, o per poche ore.

L’attesa.

I travaglio.

Il parto, la vita che passa dal buio alla Luce, la conoscenza e la negazione di essa.

Tensione di Donne, di Madri che vogliono toccare l’autentico.

Tensione ed imposizione di chi l’autentico lo nega, che ne tiene lontana anche l’idea, lo sfioramento.

Il dolore, la paura di esso che sovrasta l’incontro.

L’abbracciare il dolore, l’abbandonarsi ad esso, l’apertura.

L’apertura al figlio, alla figlia a qualcuno che portiamo nel grembo ma che è diverso da noi.

L’arrendersi a lei, a lui, a quello che ci porterà nella Vita.

La scoperta del “sentirsi in grado”…

Lo scoprire la parte selvaggia, l’animale istintuale da parto che ci guida.

E la scoperta che ci si può sentire in grado anche dopo.

Anche se tutto è andato diversamente dall’immaginato.

L’autentico che si tocca nei primi giorni di vita da Madre: nella disperazione e nell’innamoramento.

La fragilità che si ripresenta, che permette di crescere a noi, alle nostre figlie ed ai nostri figli.

La fragilità che porta in sé l’autentico solo se accolta e guardata controLuce

Cora Erba