non_violenzaTesta

Ahimsa e la non Violenza

non_violenzaTestaIniziare un percorso di non violenza non è semplice, lavorare su parti di me aggressive è stato un cammino profondo e di comprensione, ma la violenza non è solo fisica.
Quando è nato Mi Diras Nur desideravo aiutare le donne che avevano avuto un passato difficile come il mio, volevo “Metterci la Faccia” ed ascoltarle in un cerchio di condivisione perchè non Siamo Sole, ma quando s’inizia un cammino si comprendono tante altre cose.
Grazie al mio percorso Yoga alla scuola Sathya Yoga ho iniziato a scoprire una pratica che non era sportiva, che non era religiosa, ma che era uno stile di vita.
Ci sono dei gradini che l’uomo deve salire per arrivare ad una consapevolezza e tra questi quello che mi ha colpita è Ahimsa la non violenza.
Ahimsa è non distruggere, non infliggere dolore sia fisicamente che con le parole.
Mi sono chiesta se io fossi esente dalla violenza e purtroppo la risposta è no.
Quando si parla di Non Violenza, molti rispondono, me compresa, che in questa società è impossibile.
Ho imparato che nulla è impossibile se ci credi veramente.
Ho compreso che voglio impegnarmi di più nella pratica della non violenza cercando non solo di adirarmi di meno, ma anche di non avere pensieri negativi verso chi mi ha fatto del male.
L’altro giorno mi ha contattata una ragazza che ha fatto parte del mio passato, la me di un tempo l’avrebbe riversata di odio invece è stato naturale dirle che non volevo che facesse parte della mia vita, che quando si è giovani forse non sempre ci si rende conto che le nostre azioni e le nostre parole possono distruggere letteralmente la vita di qualcuno e le ho augurato ogni bene.
Non mi sono sentita elevata in questa risposta, mi sono semplicemente sentita bene e consapevole che stavo affrontando parti dolorose di me nel modo giusto.
Spesso ci accadono cose che ci fanno soffrire, che ci portano ad insultare, ad odiare, ad augurare il male al prossimo, spesso proviamo rabbia perchè è giusto buttare fuori ogni cosa che proviamo.
Non fraintendetemi non dico che sia sbagliato provare rabbia, siamo persone, è giusto lasciare spazio a ciò che proviamo, ma ho deciso di lavorare su questi aspetti perchè sto molto meglio quando non mi adiro.

“Quando uno Yogi è fermamente radicato nella non violenza, le persone che ad egli si avvicineranno perderanno naturalmente ogni sentimento di ostilità.
Patanjali Yogasutra “

Siamo sempre critici con le persone intorno a noi, spesso ci viene naturale. Per non arrecare danno agli altri bisogna non farlo a se stessi. Comprendere se il nostro comportamento è giusto è un bellissimo lavoro di autoconcentrazione, regolare il nostro pensiero ci aiuta a capire se lo stesso è una critica, un giudizio, se è offensivo o dannoso per gli altri.

Semplice.. non sempre.

Io vorrei provarci comunque ed iniziare un #oneweekahimsa e se ti va puoi seguirmi sul mio Twitter cliccando QUI

Namastè.

Khadija

Tags: No tags

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *