In Femminino, lotus harmony on
25 ottobre 2015

Lavorare con il femminino

11053545_755643357879914_8130543358850995459_nIntorno a me osservo sempre più donne mettersi in gioco.
Intorno a me vedo sempre più donne usare la parola sorellanza.

Il mio rapporto con il femminino non era di certo pulito, odiavo tutto ciò che riconduceva ad un percorso di ascolto dell’essere donna, l’ascoltare il mio ventre non era contemplato, vedevo sotterfugi ed invidie ovunque intorno a me, non mi fidavo delle donne perchè non mi fidavo del mio essere Donna.
Sono passati 18 anni ed ora sono realmente una Donna in Rinascita, mi ascolto, metto in discussione ogni parte di me e vivo ogni mia emozione come un’opportunità di crescita.
Da circa tre anni lavoro con il femminino, ho fatto pace con me stessa, amo il mio essere Donna, lavoro con la mia ciclicità e tutto ciò che ho studiato negli ultimi 10 anni lo porto nei cerchi di donne di cui ho l’onore di farne parte; già, perché ne faccio parte, una rete di sorellanza che si ascolta e si aiuta, una rete di donne che trasmette il suo sapere per condivisione e crescita, non esiste una gerarchia, esiste il rispetto e l’umiltà di ciò che ognuna di noi può donare.
Sorellanza significa prendersi per mano ed ascoltarsi veramente.
Sorellanza significa metterci cuore quando una donna apre il suo cuore verso di te.
Sorellanza non è un business, sorellanza è vita, sorellanza è comprendere che non siamo sole.

La donna selvaggia porta tutto ciò di cui una donna ha bisogno per essere e sapere.
Porta il medicamento per tutto. Porta storie e sogni e parole e canzoni e segni e simboli.
Riunirsi alla natura selvaggia significa fissare il territorio, trovare il proprio branco, stare con sicurezza e orgoglio nel proprio corpo, parlare e agire per proprio conto, in prima persona, rifarsi ai poteri femminili innati dell’intuito e della percezione, riprendere i propri cicli.
La donna selvaggia è intuito, veggenza, colei che sa ascoltare. Lei è idee, sentimenti, impulsi, memoria. E’ colei da cui andiamo a casa. E’ quello che ci fa andare avanti quando pensiamo di essere finite. Lascia impronte ovunque ci sia una donna che è terreno fertile. Vive in un mondo lontano che a forza si apre un varco verso il nostro mondo.
Donne che corrono coi lupi – Clarissa Pinkola Estés

Khadija

Previous Post Next Post

Leave a Reply

Leggi anche...