Amanita ed il tempo.

Nella famosa fiaba Alice nel paese delle meraviglie, Alice sogna e segue il Bianconiglio, cade in un mondo fatto di paradossi, beve pozioni che la ingigantiscono o la rimpiccioliscono, incontra un bruco seduto su un fungo rosso a pois bianchi che, fumando un narghilè, le rivela che è proprio il fungo a farla rimpicciolire o crescere a dismisura.
Questo mondo fantastico dove tutto può accadere e dove sognare non fa paura.
Sono molto legata a questa fiaba che mi accompagna da quando sono bambina, talmente tanto che la collezione di libri tra antichi e moderni è diventata la mia passione.
In questo periodo mi sono rimessa a rileggere alcune parti, solitamente mi capitano questi momenti quando qualcosa mi mette in discussione ed ho bisogno di respirare magia.
Quanto è difficile in questa società prendersi del tempo per capire cosa spinge nella nostra pancia?
Quanto è difficile per le persone intorno a noi accettare questi momenti non etichettandoli come egoismo?
Quanta paura abbiamo di prenderci questi momenti?

– Sei contenta di come sei ora? – disse il Bruco.
– Ecco, mi piacerebbe essere un pochino più alta, signore,se non le dispiace – disse Alice – Otto centimetri è una staura proprio infelice –
– E’ una statura eccellente!- disse irritato il Bruco tirandosi su mentre parlava (era alto esattamente otto centimetri).
– Ma io non ci sono abituata!- piagnucolò la povera Alice e fra sè pensava – Come sono suscettibili queste creature!-
– Col tempo ti ci abituerai – disse il Bruco;poi si mise il narghilè e ricominciò a fumare.
Questa volta Alice aspettò con pazienza finchè il bruco non decise di parlare di nuovo. Dopo un paio di minuti il Bruco si tolse dalla bocca il narghilè, sbadigliò una volta o due e si stirò. Quindi scese dal fungo e si allontanò strisciando fra l’erba, dicendo solo : – Da un lato ti farà crescere e dall’altro ti farà diminuire-

Nella favola Alice è insoddisfatta della sua statura e vuole cambiare, ha vissuto avventure che le hanno fatto capire che il cambiamento non la spaventa, ma sente il bisogno di tornare alla normalità della sua statura.
In tutti questi anni ho sempre pensato che la nostra indole fa parte di noi, possiamo modellarla, sentirla,ma sarà sempre li e che se ci viene a mancare sentiamo il profondo bisogno di ripristinarla e qui arriva la scelta.
Alice è posta davanti ad un dilemma, non sa quale parte del fungo la farà crescere o quale la farà diventare ancora più piccola, deve rischiare.
L’ignoto ci fa paura, ed il rischio è comunque qualcosa che ci mette in discussione e spesso preferiamo che il tempo scorra così senza affrontare nessuna decisione.
L’amanita muscaria è il fungo della scelta di Alice e solo recentemente ho scoperto che i popoli americani del Messico e del centro America associavano questo fungo con le forze sovrannaturali che controllavano il tempo.
Con il tempo l’uso di questo fungo si perse e gli antropologi attribuiscono questo sia ai grandi cambiamenti sociali e culturali avvenuti nel Neolitico sia all’avvento del cristianesimo che ha combattuto da sempre l’uso delle sostanze psicoattive considerate riti pagani. Praticamente solo quando l’Amanita muscaria venne assunta al ruolo di “pianta allucinogena” divenne un fungo velenoso.
Come vedi il tempo torna sempre, che non guarda e non aspetta, lui scorre e tu puoi solo decidere di stare e farti accompagnare dal tuo sentire per poter capire oppure correre dietro di lui in modo affannoso per poter annullare e non vedere ciò che ti sta accadendo.

E tu come vivi le scelte che ti mette di fronte la vita?

 

Khadija

  • Bibliografia :
    – Alice nel Paese delle Meraviglie – Lewis Carrol – Edizione di Martin Gardner.
    – Amanita Muscaria – Elicriso.it

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *